MEMORIE DI UN SOLDATO BAMBINO

L’INFAMIA DEI BAMBINI SOLDATO SIERRALEONESI

 

mde

Ishmael Beah è un bambino che conduce una vita tranquilla. Va a scuola, gioca e un giorno scopre una cassetta di musica rap ed hip hop, che consuma nei pomeriggi con gli amici. Sono gli inizi degli anni ’90, e la globalizzazione non ha ancora quella morsa stringente che ha influenzato la vita di tutti a livello mondiale.

Le elezioni in Sierra Leone incombono; si iniziano a ravvisare per le strade le prime agitazioni, volte a mobilitare gli elettori alle urne. Poi succede l’imprevisto. Le sporadiche schermaglie si trasformano in una vera guerra, in un tempo talmente breve,  che non permette ai ragazzi di tornare alle rispettive famiglie a causa della pericolosità nelle strade.

Per il gruppo di amici inizia la peregrinazione che li porterà dritti nelle file dell’esercito che, purtroppo, arruola i famigerati bambini-soldato

Una piaga infame, in cui gli infanti catturati vivono abbandonandosi all’utilizzo di droghe e alla violenza più efferata. Ishmael fortunatamente riscatterà il suo passato, ed arriverà a raccontare la sua storia davanti ad una platea mondiale ed in questo fantastico e misconosciuto libro.

“Se sei vivo, è perché esiste la speranza che arrivi un giorno migliore o accada qualcosa di bello. Se nel destino di una persona non c’è più niente di bello, quella persona muore”.

Titolo originale:           A LONG WAY GONE: MEMOIRS OF A BOY SOLDIER

                            Autore:                                                                                ISHMAEL BEAH

                          Pubblicazione:                                                                                                    2007