I DANNATI DELLA TERRA

IL BINOMIO TRA SCIENZA E STORIA

67621598_2559142557469083_6129510396928720896_n

Eravate a conoscenza dell’esistenza di campi di concentramento, su suolo algerino?

I dannati della terra forse è il testo più famoso di Fanon oltre a Pelle nera, maschere bianche. L’autore, è figura di spicco della letteratura delle isole caraibiche; dotato di una formazione medica con una specializzazione in psichiatria, ha indagato le patologie degli afrodiscendenti del suo tempo. Profondo conoscitore della situazione algerina, per il suo soggiorno di lavoro nel paese nordafricano, egli entrò a contatto con la popolazione. Il suo approccio scientifico mostra le dinamiche destabilizzanti che i colonizzatori lasciarono sui locali.

Fanon nacque in Martinica, un’isola delle Antille considerata dipartimento d’oltremare. “Avvezzo” ai francesi e alle loro modalità, egli si trovava in Africa nel periodo storico degli anni ’60, in piena liberazione dall’invasore.

La violenza, il ruolo della nuova borghesia autoctona, i sindacati con le loro strategie di potere, il confronto tra gli inurbati versus i contadini e l’affaccio di nuovi leader inadatti erano gli eventi di quegli anni. Nella sezione finale del libro ci sono delle trascrizioni di conversazioni di pazienti che  presentano schizofrenia, paranoia e pazzia, in seguito ai violenti traumi perpetrati dai vessatori gallici. Il dottor Fanon ed il suo team, rilevarono che i medici francesi formularono delle teorie scandalosamente errate che squalificavano l’integrità morale dell’algerino. Purtroppo, tali diagnosi erano derivate dal giudizio negativo aprioristico sui magrebini, e denotava impreparazione dei coloni.

Da rendere lettura obbligatoria.

“L’Europa è letteralmente la creazione del Terzo Mondo. Le ricchezze che la soffocano sono quelle che sono state rubate ai popoli sottosviluppati”.

“La guerra coloniale d’Algeria non ha soltanto avuto l’effetto di moltiplicare i disturbi mentali e di favorire lo schiudersi di fenomeni morbosi specifici. […] La caratteristica di queste malattie è di essere di tipo psicosomatico”.

                          Titolo originale:                                                        LES DAMNÉS DE LA TERRE

Autore:                                                                      FRANTZ FANON

Pubblicazione in Italia:                                                                                        1961

TUTTO SI MUOVE INTORNO A ME

   DANY LAFERRIÈRE

 

tutto si muove intorno a me

Un racconto sotto forma di diario sui fatti accaduti il dodici gennaio del 2010 ad Haiti, quando un terremoto di magnitudo 7 scosse l’isola. Gli attimi prima e quelli immediatamente successivi, sono incastrati nella memoria degli haitiani. L’autore si trovava proprio lì, nel suo paese di origine per questioni di lavoro, quando il sisma l’ha colto alla sprovvista ed ha potuto testimoniare la sofferenza comune, la solidarietà e la resilienza dei suoi compatrioti.

Dany Laferrère è il primo autore caraibico che recensisco, scrittore che va ad inserirsi nell’ erraticità della diaspora, avendo difatti stabilito da tempo la sua permanenza a Montréal.

Abbiamo visto un popolo dignitoso, i cui nervi sono abbastanza saldi da metterlo in condizioni di resistere alle più terribili privazioni.

Titolo originale:          THE WORLD IS MOVING AROUND ME

Pubblicazione in Italia:                                                             2015