ESI EDUGYAN

67749299_2420722344877906_4580178073919422464_n

Ci sono aggettivi che risuonano nella nostra mente quando ci inerpichiamo nella lettura di un libro. Incredibile era la parola predominante che mi girava per la testa mentre leggevo questo sebbene ,nel suo essere mirabolante, sia scritto molto bene.

Washington Black è il protagonista dal nome così altisonante che non ti aspetteresti mai dai uno schiavo nero. Il suo padrone forse aveva voluto essere ironico, oppure nell’assegnargli un nome così stentoreo, ne aveva indovinato il futuro. Sottratto dal lavoro dei campi in giovane età per un colpo di fortuna del destino, questo testo è la dimostrazione di come spesso nella vita non importa il come si arrivi a ricoprire una certa posizione, ma come essa la si mantenga. Da vessato analfabeta senza futuro, a Washington è data la possibilità di apprendere empiricamente le scoperte della scienza di metà ottocento. É uno schiavo “prestato”, ma Washington prova una sorta di sindrome di Stoccolma verso il suo “padrone temporaneo”, che lo incoraggia a sviluppare le sue doti nel disegno e nell’apprendimento. Comprendendo l’importanza del suo operato in egli lotterà per lasciare che il suo nome venga ricordato nonostante l’incongruità sulla sua persona e la sua etnia.

Una densa coming-of-age-story in salsa caraibico-scientifica.

“Non le lasciai capire che la cosa mi infastidiva. Lei non l’aveva fatto intenzionalmente, ma in quella proposta avevo letto una critica, un mettersi al di sopra di me, come se il mio essere analfabeta definisse il mio modo di agire e il mio carattere. A un tratto fui travolto dai ricordi di lunghe serate afose sotto un cielo sbiancato, con gli uccelli che gridavano in cielo, e Titch che pronunciava parole e mi incitava a ripetere”.

Titolo originale: WASHINGTON BLACK

Pubblicazione in Italia : 2018

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...