TITOLO MOSTRA_       THE PAST, THE PRESENT AND THE IN BETWEEN

CURATRICE_                                             LIDIJA KOSTIC KHACHATOURIAN

ARTISTI_                                                                           GONCALO MABUNDA

                                                                                                         MAURO PINTO

                                                                                            FILIPE BRANQUINHO

 

Traduzione sommaria da articolo di Andrea Moreira del giornale presentativo del Padiglione.

Debutta per la prima volta nel 2015 alla 56ma Biennale di Arti Visive di Venezia e ora lo ritroviamo all’edizione 58ma. The Past, The Present and The in Between vuole mostrare attraverso un approccio contemporaneo il passato travagliato di questa nazione e le sue ripercussioni nella società odierna. I tre artisti contemporanei più rappresentativi sono Gonçalo Mabunda, Muro Pinto e Filipe Branquinho cresciuti nell’era postcoloniale, durante una delle più sanguinose guerre civili del secolo durata dal 1977 al 1992.

Attraverso l’arte è investigata la situazione socioeconomica, il passato è analizzato ed ci si interroga sul presente per approdare ad un futuro migliore. Il visitatore è portato a riflettere sulla violenza, corruzioe ed ingiustizia sociale. L’indipendenza dai portoghesi è arrivata relativamente tardi, se comparata agli altri stati africani, e nei sedici anni di guerra intestina la produzione artistica è stata pesantemente influenzata da situazioni politiche dello Stato e alla creazione di identità nazionale.

Ritengo sia un importante occasione per scoprire un paese di cui si sa poco, attraverso questi artisti.

TITLE EXHIBITION_       THE PAST, THE PRESENT, AND THE IN BETWEEN

CURATOR_                                             LIDIJA KOSTIC KHACHATOURIAN

ARTISTS_                                                                           GONCALO MABUNDA

                                                                                                         MAURO PINTO

                                                                                            FILIPE BRANQUINHO

 

Excerpt of an article by Andrea Moreira from National Pavilion Of Mozambique journal.

Presented for the first time in 2015 at the 56th Venice Biennale, the National Pavilion of Mozambique finds its home again for the 58th International Art Exhibition. The Past, The Present and The in Between, aims to show through a contemporary approach the troubled past of the nation of Mozambique and it’s consequences in today’s society. Interpreted by the country’s three most representative contemporary artists, Goncalo Mabunda, Maura Pinto, and Filipe Branquinho, each of whom grew up in post-colonial Mozambique during one of the bloodiest civil wars of the last century. This unfortunate historical event lasted from 1977 to 1992.

Through their art, they investigate the socioeconomic condition of their country, analyze the past, and question the present for a better future, bringing to this exhibition a reflection on violence, corruption, and social injustice. Compared to other African countries, the Mozambican Republican gained independence only recently, in 1975, after ten years of insurrection against the Portuguese. During this time, artistic production had been heavily influenced by the political situation of the state and tied to the creation of national identity.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...