OBI ONWUTA & CECILIA PAVAN

bty

Racconto scritto a quattro mani da due architetti, uno nigeriano e l’altra veneta, che fanno incentrano la storia incentrata su una legge che imponeva ad alcune popolazioni  l’uccisione di uno dei due gemelli dati alla luce. Pratica in usanza in certe zone dell’Africa, in cui si pensava che questo “particolare” duo, fosse portatore di sventura non solo per la famiglia, ma per tutta la comunità. Si svolge la vicenda di un padre facente parte della commissione del villaggio per l’eliminazione dei gemelli che inizia ad avere dei rimorsi di coscienza. Chuka da uomo inflessibile e sostenitore della legge, entra nella morsa del dubbio, nel momento in cui il parto gemellare tocca alla sua consorte.

Invidia da parte dei nemici, tradizioni da non infrangere, la derisione data dall’incomprensione di molti personaggi del villaggio verso chi propone soluzioni nuove e la costante volontà di emergere ed imporsi sulla massa degli altri abitanti,  ricorrono in questo come in altri libri già recensiti sul blog. Uno degli elementi fallaci, secondo me, è il missionario e la modalità con la quale tratta l’evangelizzazione.  Viene presentato come un Messia apportatore di salvezza, molto diverso da come Chinua Achebe ne Il crollo, aveva trattato la stessa figura. Sarebbe curioso sapere chi tra i due autori ha redatto questa parte.

Il testo andrebbe corretto dalle sviste di punteggiatura ed errori di battitura.  A volte non è del tutto scorrevole. La scelta dei nomi dei personaggi veneziani è risibile e la  descrizione della vita del compound mi è parsa giudicante, molto lontana dallo spessore che di solito viene da altri autori, come ad esempio in Metà di un sole giallo della Adichie.

 

Si alzò e andò verso lo switch. Come tutte le cose che non appartenevano alla tradizione, lo si chiamava in inglese.

 

                                                  Titolo originale:                          UN GIORNO PER RICORDARE

Pubblicazione in Italia:                                                           2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...