letteratura diasporica

CERCANDO LINDIWE

AUTRICE_                                                    VALENTINA ACAVA MMAKA

PUBBLICAZIONE IN ITALIA_                                                              2007

bty
Cercando Lindiwe

Del Sudafrica tutti hanno in mente solo alcune parole chiave: Mandela. Apartheid. Afrikaans. Boeri. Waka Waka. Questi termini non sono assolutamente sufficienti per descrivere un paese dalla storia così complessa e sfaccettata. Il Sudafrica del dopoguerra era uguale all’America segregazionista delle leggi Jim Crow e come negli USA, nel paese del Capo di Buona Speranza avvenivano ogni sorta di nefandezze; la popolazione nera veniva tenuta separata nei luoghi pubblici per mezzo dei cartelli che recitavano “Slegs blankes/ whites only” ovvero “solo bianchi”, raid notturni della polizia bianca che irrompeva nelle case di dissidenti o semplici cittadini neri per spostarli in altre zone,  violenze carnali a danno delle donne ed il possesso obbligatorio del malfamato pass che i coloured dovevano possedere, per uscire dalle ribollenti periferie (township). E poi ci fu Sharpeville.

Il 21 marzo 1960,  nella township di Sharpeville, ci fu una carneficina in cui sessantanove sudafricani neri persero la vita e centottanta furono feriti, mentre stavano manifestando il loro dissenso contro le misure restrittive di movimento imposte loro. Citando questo avvenimento tra i tanti, il romanzo è incentrato sulla sofferenza che l’esilio provoca in Lindiwe/ Ruth. Lo strappo dalla patria, l’incomprensione ed i pregiudizi delle persone del paese ospite e l’incapacità di trasmissione delle propria cultura alla figlia.  Sembra una donna schizofrenica, che si gonfia di nostalgia, conduce un’esistenza con la testa rivolta al passato, e che solo alla fine avrà il coraggio di prendere una decisione degna per la sua vita.

Molti hanno dovuto scegliere la via dell’esilio, Bassie Head, Nat Nakasa, Can Themba, Ingrid Jonker, Todd Matshikiza, Lewis Nkosi, Peter Abrahams, Ezekiel Mphalele, Harry Bloom, Nadine Gordimer, Dapne Rook.. gli incarcerati Mongane Wally Serote […].

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...