LETTERATURA AFRICANA

OGUN ABIBIMAN

AUTORE_ WOLE SOYINKA

TITOLO_ OGUN ABIBIMAN

USCITA IN ITALIA_ 1992

bty
Ogun Abibiman.

 

Nella sua carriera il Prof, ha esercitato la sua arte in molteplici forme. Questa è una raccolta di poesie con un titolo d’apparenza incomprensibile. L’Ogun del titolo lo sappiamo è un dio yoruba del ferro, Abibiman sono gli africani neri.

Nella sua prefazione Soyinka ricorda un celebre sconosciuto, il mozambicano Samora Machel, la cui dichiarazione di guerra infiammò gli animi dei paesi africani al di sotto del Sahara negli anni ’70.

Induction. Temi quali la deforestazione, “una messe di braccia detronizza l’antico Regno d’opulenti, servili pianure…” Gli elementi naturali, dopo essere stati disturbati hanno solo silenzio e terra smossa. Il tempo si confonde e sembra che si torni all’ordine del tutto. Le contese con gli dei, passando per le morti di Sharpeville in Sudafrica nel marzo del 1960.

Shaka. Nella seconda parte, il mitico guerriero condottiero di guerre sanguinose combattuto contro i colonizzatori. “da brandelli di tribù e usi banditeschi, Shaka eresse la città dell’uomo in collettività [da maschere, da specchietti infranti nel cavo di crani col machete al posto del sorriso” . Lotte condotte con orgoglio e ferocia, in cui creava ordine dal caos.

Sigidi è il grido di battaglia di Shaka. La voce come inizio del tutto. Quale canto mai pretenderà – che guerra si fa per voglia O amore, o conforto, o brama?

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...