ARTE AFRICANA

NIGERIA PAVILION

IMG_0029

TITOLO MOSTRA_        HOW ABOUT NOW?

CURATORI_       A. SONARIWO & E. IDUMA

ARTISTI_                                 PEJU ALATISE

QUDUS ONIKEKU

VICTOR EHIKHAMENOR

Questo è un momento storico per la Nigeria al suo debutto alla Biennale di arti visive veneziana, uno degli incontri artistici più prestigiosi al mondo.

Prestigiosi musei intorno al mondo fanno mostra degli stupendi lavori che vanno dall’arte delle sculture di Ife a quelle della cultura Nok. Oggigiorno gli artisti contemporanei nigeriani continuano a lasciare il loro segno   all’estero, esportando lo “status” della Nigeria, non solo come gigante economico dell’Africa, ma anche a livello artistico; dopotutto questo è il paese che annovera tra i suoi artisti Ben Enwonwu, Uche Okeke, Bruce Onabrakpeya, Demas Nwoko e Yusuf Grillo.

(traduzione eseguita da me del discorso di A. L. Mohammed dal catalogo dell’esposizione “Nigeria in Venice”)

I tre artisti che sventoleranno il vessillo nigeriano in laguna sono Peju Alatise , Victor Ehikhamenor, Qudus Onikeku.

IMG_0016
Particolare di “Flying girls” 2016 di Peju Alatise.

Questa scultura di Peju Alatise ferma nello spazio otto bambine alate in girotondo sospese nello spazio tempo con un paesaggio bucolico stilizzato attorno, narrano di sogni di libertà e voglia di ri-appropriazione del proprio corpo.

IMG_0018
Frame di un video di Qudus Onikeku “Right Here, Right Now”.

L’energia e la vitalità di Qudus Onikeku è espressa nelle performance dei suoi video proiettati per il suo ciclo “Right Here, Right Now.  Nella sua intervista presente nel catalogo, il performer dichiara di aver scavato nelle sue preoccupazioni, per dar dar espressione con il suo operato (che si estende in un periodo di vent’anni) con una sua estetica si occupa di catturare il tema del tempo che rimane argomento centrale.

Victor Ehikhamenor dice che come artista contemporaneo nigeriano ha la costante urgenza di vedere, imparare e continuare una narrativa così come detta dagli antenati. Gli artisti contemporanei, secondo Victor, hanno il privilegio di approfondire quello che sta al di là di ciò che è criticabile ed hanno accesso a documenti e la loro scelta è quella di fare una sintesi soggettiva tra l’appreso ed il concreto.

IMG_0566
Particolare dell’installazione Victor Ehikhamenor “A Biography of the Forgotten”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...